Mar 122015
 

 

lettiera angolare per conigliLa maggior parte delle persone accoglie il suo primo coniglietto quando è ancora un cucciolo.
Acquistare un coniglio in un negozio significa il più delle volte portare a casa una creatura di pochi giorni, dai 30 ai 45 solitamente, che con ogni probabilità è stato allontanato dalla madre prima del tempo necessario. Lo svezzamento è sicuramente avvenuto, ma la socializzazione e l’apprendimento di comportamenti specifici potrebbero essere stati compromessi.

Come ogni cucciolo, anche il giovane coniglietto deve imparare alcune regole di buona convivenza, come sporcare nella lettiera.

Normalmente i conigli prediligono gli angoli per lasciare i propri bisogni e a guidarli è l’istinto. Per questo è bene procurarsi più lettiere angolari, almeno per i primi tempi, da disporre negli angoli delle stanze principali in cui il coniglio abiterà.

Può capitare tuttavia che il peloso sporchi al di fuori della lettiera.
Le cause possono essere diverse; vediamo insieme le principali e come porvi rimedio:

coniglio cucciolo1. La giovane età e il mancato apprendimento del comportamento corretto. Come dicevo, spesso i piccoli vengono staccati dalla mamma e dai fratelli molto presto, per essere venduti nei negozi in tenera età in modo da risultare commercialmente più attraenti (sono più batuffolosi, più teneri, ispirano maggiore senso di protezione…), così che non hanno avuto il tempo di apprendere il comportamento di eliminazione degli escrementi nel modo più corretto. Con un po’ di tempo e di pazienza è però possibile insegnare al coniglietto dove lasciare i propri bisogni.

2. Questione di ambientamento e territorialità. Il piccolino arriva in un ambiente a lui sconosciuto e deve adattarsi al nuovo contesto, con esseri viventi diversi da quelli cui era abituato, ritmi, orari, suoni, voci, rumori, luci, ombre. Tutto è nuovo per lui e possono servire alcuni giorni perché si ambienti. Nel mentre, cercherà di familiarizzare con tutte queste novità lasciando il suo odore in tutti i modi che conosce, per accertarsi di potersi considerare al sicuro (essendo il coniglio un animale preda). Lo vedrai quindi marcare oggetti, mobili e persone strofinandoci sopra il mento, ma anche disseminare i luoghi che ritiene o che vuole rendere più sicuri con le sue palline di feci e magari anche qualche spruzzo di urina. E’ del tutto normale. Questo comportamento dovrebbe ridimensionarsi nel giro di poche ore o al massimo pochi giorni dopo il suo arrivo nella sua nuova casa. Porta pazienza e mettigli subito a disposizione almeno una lettiera principale, in modo da facilitargli il compito. Tieni presente che prima marca il territorio, prima smetterà di farlo e che quando lo avrà marcato tutto (quello dove gli è consentito gironzolare) poi non avrà più niente da marcare.

letto costellato di cacche di coniglio3. Questione di ormoni. Tra i 3 e i 6 mesi il coniglio si sviluppa sessualmente e questo comporta una costante e forte pressione ormonale che può influenzare il comportamento. Tra le alterazioni comportamentali più comuni troviamo appunto la marcatura territoriale. Se il tuo coniglio rientra in questa fascia di età o è anche più grande, ma non è sterilizzato, è del tutto normale che attraversi questa fase. Il cambiamento è repentino, avviene proprio dalla sera alla mattina: il coniglio che fino alla sera prima era pulito, cercava la lettiera e vi lasciava i suoi bisogni, diventa il giorno dopo uno spallinatore estremo e riempie la casa di laghi di pipì. Questo è uno dei principali segnali dello sviluppo sessuale. In questo caso non ci sono metodi “correttivi” o educativi che tengano. Si può cercare di contenere il problema, ma non lo si può risolvere se non con la sterilizzazione. Si tratta di un intervento chirurgico che deve eseguire unicamente un medico veterinario esperto in esotici e che oltre a risolvere il problema domestico della pulizia, dell’igiene e dell’ordine e a facilitare ovviamente la gestione generale dell’animale, solleva il coniglio dal forte stress esercitato dagli ormoni, ripristinando il corretto equilibrio psicofisico e quindi riportando un generale benessere al coniglio (sia maschio che femmina).

coniglio sul divano4. Comodità e vizi. I conigli sono animali che amano molto le comodità e se a viziare un coniglio si fa prestissimo, togliergli poi i vizi può diventare una sfida davvero ardua. I favoriti del coniglio sono solitamente divani, letti e poltrone, che da comodi mobili di arredo e da riposo si trasformano in confortevoli cucce e lettiere per lui, ma in veri incubi per l’umano che deve ingegnarsi per lavare e rilavare. Occorre in questo caso inibire l’accesso al coniglio a questi elementi di arredo, puntare sul premiare il comportamento di discesa del coniglio da letti e divani, o industriarsi per ricoprire tali oggetti con stoffe cerate protettive o traversine assorbenti. Dai un’occhiata al video di marzo 2013 in cui svelo qualche trucco per insegnare al coniglio a scendere dal divano/letto e fare i suoi bisogni nella lettiera.

5. Cambiamenti, stress, emozioni. I conigli sono animali estremamente sensibili e facili allo stress. Ogni cambiamento può procurargli uno stress da leggero a pesante a seconda della situazione e del carattere dell’animale: arredamento nuovo, viaggi o spostamenti, inserimento di altri animali in casa, arrivo di persone nuove, cambiamento di orari e abitudini, anche cambi stagionali e variazione di meteo e pressione atmosferica. Può capitare nel corso della vita condivisa con un coniglio che questo cominci a sporcare fuori dalla lettiera anche se fino a poco prima si era sempre comportato in modo ineccepibile. Soprattutto l’urina può rappresentare un segnale di disagio ambientale o relazionale, perciò è bene non allarmarsi, ma comunque dedicare ad episodi che magari si ripetono più volte le dovute attenzioni e, in caso di necessità, consultare un medico veterinario comportamentalista o un operatore nell’etologia delle relazioni con gli animali, per cercare di capire insieme quale può essere la causa del disagio e risolverla.

6. Patologie specifiche. Non è da trascurare anche l’eventualità che il coniglio manifesti con urina e feci fuori dalla lettiera delle particolari patologie legate alla vescica o ad altro. Se il problema si presenta di frequente o con una certa costanza, considera l’idea di una visita veterinaria, perché potrebbe nascondere qualcosa di più serio, come incontinenza o altro. Ricorda: meglio un viaggio in più dal veterinario per nulla, che conseguenze spiacevoli.

 

Leggi anche:

  70 Responses to “Perché il coniglio fa i bisogni fuori dalla lettiera?”

Comments (70)
  1. Ciao Cristina,
    sì, come dici tu è questione di sviluppo sessuale/ormonale e sterilizzazione.
    Se è ancora intera parla col veterinario per valutare la sterilizzazione, quando sarà possibile farla a seconda dello sviluppo psicofisico del coniglio.
    Nel frattempo puoi:
    – collocare la lettiera in un angolo, perché i conigli sono naturalmente portati a usare gli angoli per i bisogni;
    – raccogliere eventuali pipì e cacche lasciate in giro con della carta assorbente e mettere tutto in lettiera: in questo modo aiuterai il coniglio a riconoscere la lettiera come il luogo in cui fare i bisogni, perché la marcherai con i suoi odori.
    Se vuoi provare ad accelerare il processo di apprendimento puoi utilizzare dei premietti: ricordati che le dimensioni del bocconcino che darai al tuo coniglio devono essere piccole! Mezzo chicco di uvetta passa, mezzo pellet per volta, uno spicchiettino di carota, mezza foglia di basilico sono alcuni esempi. Valuta tu cosa gradisce maggiormente il tuo coniglio e usalo come premio. Basta che usi qualcosa che non fa parte della sua alimentazione abituale, altrimenti perde la sua golosità e la sua valenza di ricompensa.

  2. Ciao Ludovica, sicuramente è questione di sviluppo sessuale/ormonale e quindi di marcatura territoriale. Parlane con il tuo veterinario esperto in esotici di fiducia per valutare la sterilizzazione.
    Gli toglierà lo stress ormonale, garantendogli un maggiore benessere e migliorerà anche la gestione domestica.

  3. Ciao Maria, sì è abbastanza normale.
    In primo luogo perché sta marcando il nuovo ambiente in cui si trova.
    In secondo luogo perché immagino che non sia ancora sterilizzato e se è in fase di sviluppo ormonale/sessuale o è già sviluppato, manifesta così la propria territorialità.
    Se è ancora intero/a parla col veterinario per valutare la sterilizzazione, quando sarà possibile farla a seconda dello sviluppo psicofisico del coniglio.
    Nel frattempo puoi:
    – collocare la lettiera in un angolo, perché i conigli sono naturalmente portati a usare gli angoli per i bisogni;
    – raccogliere eventuali pipì e cacche lasciate in giro con della carta assorbente e mettere tutto in lettiera: in questo modo aiuterai il coniglio a riconoscere la lettiera come il luogo in cui fare i bisogni, perché la marcherai con i suoi odori.
    Se vuoi provare ad accelerare il processo di apprendimento puoi utilizzare dei premietti: ricordati che le dimensioni del bocconcino che darai al tuo coniglio devono essere piccole! Mezzo chicco di uvetta passa, mezzo pellet per volta, uno spicchiettino di carota, mezza foglia di basilico sono alcuni esempi. Valuta tu cosa gradisce maggiormente il tuo coniglio e usalo come premio. Basta che usi qualcosa che non fa parte della sua alimentazione abituale, altrimenti perde la sua golosità e la sua valenza di ricompensa.

  4. Ciao, ho preso da circa tre settimane un coniglio ariete nano… Che continua a fare la cacca nella stanza e sul divano e anche in braccio a noi…..nelka sua gabbia dentro e fuori dalla lettiera… Cosa devo fare? È normale?

  5. Mi chiamo Ludovica, ho un coniglietto testa d’ariete di 5 mesi e lo ho con me da quando aveva 45 giorni. Ha sempre fatto i suoi bisogni nella gabbietta. Ora non riesco a capire perchè mi fa i suoi bisogni in tutta casa. Come posso risolvere questa cosa?

  6. Salve ho una coniglietta nana di sette mesi e mezzo che solo nei primi mesi faceva cacca e pipì in giro finché non ha imparato. Ora sono due settimane che ha ricominciato a fare cacca e pipi ovunque, non è sterilizzata. Credo che sia perché non e sterilizzata consigli

  7. Ciao Miriam, gli ormoni impiegano da 30 a 180 giorni a essere smaltiti dopo l’intervento, quindi potrebbe trattarsi solo di tempo prima che il tuo coniglietto smetta di marcare.
    Tuttavia mi sorge una perplessità: dai tempi che hai descritto, il coniglietto è stato sterilizzato a 4 mesi?
    Potrebbe essere stata una sterilizzazione troppo prematura e non aver permesso al coniglietto il completo sviluppo psicofisico, cosa questa che spesso causa questo tipo di problemi.
    O ancora, potrebbe essere un coniglietto molto molto territoriale, per cui la sterilizzazione va a ridurre la frequenza delle marcature e del manifestarsi del comportamento, ma senza eliminarla del tutto.
    Ad oggi, che sono passati oltre due mesi, come sta andando?

  8. Ciao Alessandro, può capitare che conigli che sono sempre stati bravi con la lettiera a un certo punto comincino a sporcare in giro. Data l’età, sei ancora in tempo per la sterilizzazione e secondo me rientra in quei casi di sviluppo un po’ tardivo, perciò potrebbe essere che le condizioni meteorologiche + lo sviluppo incidano sul suo comportamento. Io consiglio senza dubbio, in primis per la sua salute dato che è femmina e secondariamente anche per una questione gestionale domestica, di consultare un buon veterinario esperto in esotici per la sterilizzazione della coniglia.

  9. Salve,ho un coniglio femmina che ha 1 anni e 3 mesi (il 26 dicembre 4 mesi)che non è sterilizzata,ha sempre usato la lettiera e non ha mai e poi mai fatto i bisogni fuori,solo ora ha iniziato a “spallinare” fuori dalla gabbia in un punto preciso,circa da 2 settimane (la faccio uscire solo per una stanza,perché nel resto della casa ci sono troppi fili e mordicchierebbe i divani,ma finora non ha dato sintomi di malessere,anzi,saltava e “sfloppava”.sapete dirmi il Perché di questa cosa?

  10. Ciao a tutti,
    Ho un coniglio ariete nano di 4 mesi. Quando l’ho preso era molto bravo con la lettiera e faceva i bisogni solo lì, poi, circa 1 mese fa ha iniziato a farla sul divano e così una settimana fa è stato sterilizzato ma continua a farla sul divano e addosso a me se ci sto sopra.
    Cosa posso fare, considerando che il comportamento non è cambiato con la sterilizzazione?

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.