Apr 072011
 

Un coniglio, un gatto, un cane di grossa taglia e un pitone a guardia di oltre 2 etti di hashish.

E’ successo in provincia di La Spezia. Il primo aprile la guardia di finanza si è presentata a casa di un ragazzo ventiduenne, che aveva pensato di sfruttare i propri animali e metterli a “difesa” del tesoro.

I cani della finanza, distratti dagli odori degli altri animali, non avrebbero rinvenuto la sostanza stupefacente presente, o almeno così pensava il giovane.

Il labrador intervenuto nell’operazione invece ha completamente ignorato coniglio, gatto e cane e si è rivolto subito verso il pitone, che se ne stava arrotolato attorno a un involucro contenente la sostanza incriminata.

Non si è trattato di un pesce d’aprile: il ragazzo è stato trasferito in carcere (la GdF sta ancora cercando di capire se il pitone fosse detenuto legalmente), mentre gli animali sono finiti agli “arresti domiciliari”: canile, gattile e zoo.

Fonte: GeaPress.org

 

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)