Ago 012011
 

Eccoci finalmente ad Agosto, il mese delle ferie, delle vacanze tanto attese e sospirate!

Io quest’anno non vedo l’ora di partire, perché ho davvero bisogno di un po’ di riposo, di relax e di rigenerarmi 😀

Tu sei già stata/o in vacanza? Hai portato con te il tuo piccoletto orecchiuto? Dove siete stati? Lascia un tuo commento qui in fondo all’articolo per raccontarmi dove hai trascorso o dove stai per trascorrere le tue vacanze, sono molto curiosa!

Io quest’anno andrò in Abruzzo, in campeggio. Vorrei tanto portare con me Yogurt, perché di lui mi fido ciecamente: è ben educato, abituato ai viaggi, tranquillo e adorabile, ma è degli altri che non mi fido! Abbiamo recinto e recinzioni, teli di copertura anti-sole e anti-pioggia, casine d’emergenza, giochi e giochini vari, ma temo che alcune persone potrebbero approfittare di una nostra assenza (mia e del mio compagno) e RAPIRMI il mio adorato peloso.

Meglio non rischiare. Lo lascerò ai miei nonni e a mia zia, che lo conoscono bene, sanno di cosa ha bisogno, sanno come trattarlo e come tenerlo d’occhio. E poi avrà un enorme prato a disposizione, con alti alberi e un mini boschetto privato in cui potersi divertire come un pazzo o riposare e rilassarsi. In vacanza noi, in vacanza lui 🙂

Il sondaggio di questo mese in effetti riguarda molto le vacanze, il mare in particolare. Hai mai portato il tuo coniglio al mare? Lo hai mai portato sulla spiaggia?

conigli in spiaggia

So di persone che lo fanno e la loro esperienza è molto positiva: portano il coniglio in riva al mare, alla sera, quando ormai la folla si è ritirata per la cena, lo lasciano libero sulla sabbia bagnata e questi pare che si diverta a correre qua e là e anche ad entrare e uscire dall’acqua.

Anche tu lo fai o l’hai fatto? Se non l’hai mai fatto, lo faresti?

Scrivimi cosa ne pensi o raccontami la tua esperienza in proposito. Mi farebbe molto piacere conoscerli!

Se vuoi, puoi anche rispondere semplicemente al sondaggio che trovi qui sulla destra.

Auguro a te e ai tuoi pelosi delle vacanze fantastiche!

Ci risentiamo a settembre con il prossimo sondaggio!

BUONA ESTATE!

P.S. Se vuoi vedere i risultati dell’ultimo sondaggio o di quelli precedenti, visita la pagina dei Sondaggi di AddestrareConigli.it.

Leggi anche:

  5 Responses to “Sondaggio di Agosto: conigli al mare…”

Comments (5)
  1. La nostra piccola viene in vacanza con noi ogni hanno in un appartamento con una bella terrazza che abbiamo messo in sicurezza con la rete. Le piace molto uscire in terrazza, soprattutto di notte: correre dentro e fuori, stendersi curiosare, ascoltare quello che succede “nel mondo”, lasciare che il vento le scompigli le orecchiette!
    Non andiamo al mare ma non credo che la porterei in spiaggia: ha una natura piuttosto nervosa e avrei paura che scappasse, magari finendo per perdersi o peggio. Il guinzaglino naturalmente non se lo lascia mettere, quindi non saprei proprio come fare per tenerla al sicuro. So che ci sono conigli molto più tranquilli e meno reattivi: credo che in questo caso si possa fare e sia anche un’esperienza positiva.

  2. Allora, ovviamente non il coniglio in spiaggia.. Ma il coniglietto di 6 mesi si è già fatto 2 vacanze! Spiego: vivendo in Belgio l’ho già portato in Italia 2 volte, una volta in macchina e una in treno. In macchina abbiamo viaggiato 2 giorni, in cui lui per lo piu stava sdraiato ai miei piedi e ogni 1h30-2h ci fermavamo a farlo “brucare” un po’. E’ stato piu che altro un viaggio gastronomico per lui perchè ha assaggiato diverse erbette.. Specie dovevate vederlo correre sulle Alpi e mangiarsi l’erba e i fiori freschi di montagna!! Devo ammettere che avevo paura patisse perchè l’avevo appena preso ed era piccolo ma non mi sembra sia stato male. La seconda volta in treno, 5h30 di TGV da Parigi. Lui forse in treno sta pure meglio perchè è meno sballottato, ma il fatto è che viaggiando nel transportino trattiene tutti i suoi bisogni e non li ha fatti per 7 ore… Arrivato a casa si è svuotato.. Insomma non so se ho rischiato ma dovevo stare via 2 sett e essendo all’estero non ho nessuno a cui lasciarlo. Inoltre in Italia cè il giardino che qui in Belgio non ha e si è fatto delle mega corse/mangiate. Lui è molto attaccato a noi ed è viziatissimo, sempre libero etc.. e credo sia stata la soluzione migliore per lui rispetto a tenerlo da qk che non conosce chiuso in gabbia 2 settimane..

  3. Grazie Francesca per il tuo commento 🙂
    Personalmente condivido il tuo pensiero sul lasciare quel poco di natura che resta ai nostri coniglietti domestici, per non fargli perdere il senso dell’istinto, la voglia di libertà e quel pizzico di natura “selvatica” che conservano.
    Concordo anche sul fatto che i conigli restano animali e non si trasformano in giocattoli o peluches da portare in giro qua e là ovunque si vada, e che lasciarli nel LORO ambiente anziché portarli sempre nel NOSTRO, gli faccia solo bene e sia segno di amore e rispetto.
    Sul discorso sabbia, pododermatiti e via dicendo preferisco non dilungarmi troppo: in linea generale forse la spiaggia non è la condizione ideale per la salute di un coniglio, ma molto dipende dai soggetti. Conosco coniglietti che se hanno a disposizione della terra non la degnano neanche di una zampina, mentre se hanno la sabbia si mettono a scavare come dannati. So di conigli che volontariamente cercano l’acqua per sguazzarci dentro, quando in linea di massima ai conigli non si dovrebbe nemmeno fare il bagnetto. Credo che come per gli esseri umani, ci siano conigli più delicati e conigli più “duri”. Certo, come dici tu, non è il caso di obbligarli a vivere condizioni del tutto innaturali per loro.

  4. Mi sembra assurdo portare il coniglio in spiaggia anche solo la sera! A parte il fatto che la sabbia causa gravi problemi respiratori al coniglio ma poi vogliamo parlare di quanto è abrasiva (non per niente ci si può fare lo scrub!) e di quanto sia corrosiva l’acqua di mare? Le zampe dei conigli vanno in pododermatite già in casa con mille tappeti morbidi…no grazie!

    Vorrei davvero che si capisse che per quando addomesticato il coniglio resta un animale preda e se si vuole rispettare quella poca natura che gli è rimasta nel dna bisognerebbe evitare di portarselo in giro ad ogni uscita…va bene portarselo dietro se non si ha nessuno al quale lasciarlo, va bene in camera d’albero, va bene nel giardino se c’è ma portarselo al guinzaglietto sul lungomare, in spiaggia ed in mille altri posti non sono cose da conigli.

    Anche rispettare la loro natura è un modo di amarli, senza dimenticare che spesso i conigli quando hanno paura non lo fanno notare ed alcuni comportamenti che potremmo pensare positivi (della serie: che bello, sta seduto vicino a me, mi vuole bene!) sono invece sintomi di paura di persone, odori e suoni a lui del tutto sconosciuti.

  5. Se Hob si riprende un po’… lo portiamo con noi al mare… di certo non in spiaggia (di giorno) e non nella sabbia (paura di infezioni e che la mangi) ma magari sul lungomare…

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.