Yogurt. Il libro

 

 

copertina del libro Yogurt Come un coniglio può cambiarti la vita

Caro lettore, cara lettrice, caro amico, cara amica,

non so se sei tra coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere Yogurt, personalmente o tramite fotografie, filmati e racconti, o se sei arrivato a conoscere questo sito dopo la sua morte, in ogni caso sappi che questo sito, ma soprattutto questa pagina è l’emblema di ciò che lo rappresenta, di ciò che è stato e ciò che continuerà a essere.

Sul sito è pubblicato l’articolo di quando Yogurt è volato sul ponte e in esso c’è una poesia che gli ho voluto dedicare per ricordarlo. Quella poesia è presente anche nel libro che ho scritto in sua memoria, in suo onore e in sua voce, pubblicato nel maggio 2015 e disponibile online.

Yogurt mi ha insegnato moltissimo, mi ha davvero cambiato la vita, perché grazie a ciò che mi ha trasmesso mentre era con me e a ciò che mi ha fatto sperimentare con la sua morte, ho imparato che cos’è l’amore, che cos’è l’amicizia, che cosa sono il rispetto, l’onestà e la lealtà. Mi ha insegnato anche il valore della responsabilità e della consapevolezza, del risveglio dell’anima e della ragione. Mi ha svelato che cos’è l’empatia. Mi ha insegnato il valore delle percezioni. Mi ha insegnato che cos’è il perdono, perché qualche errore con lui l’ho fatto anche io, come tutti, ma lui è sempre stato capace di perdonarmi. Ho nei suoi confronti (e lo avrò per sempre) un debito enorme, immenso e forse insaldabile.

Per questo, ho cercato un modo per tentare di colmare il vuoto, per cercare di essere all’altezza di quello che mi ha insegnato, per onorare la sua memoria, perché non è mai stato solo un coniglio (nessuno di loro lo è). E’ stato lui stesso a ispirarmi e indicarmi la via.

Così è nato il libro “Yogurt. Come Un coniglio può cambiarti la vita“, per aiutare altri conigli e altri animali sfortunati.

copertina del libro Yogurt Come un coniglio può cambiarti la vita

E’ un libro fotografico su di lui, su di noi, una biografia d’amore per la vita, per l’umanità, per gli esseri viventi, per l’etica. E’ un libro che parla. E’ Yogurt stesso a parlare nel libro. Ci alterniamo nel raccontare una storia di vita e di presa di coscienza. Tra le pagine di questo libro e le immagini che lo rendono vivo c’è la voce di un coniglio come tanti altri, che ha avuto la capacità di toccare tanti cuori, di fare da ponte tra umani e conigli, tra ignoranza e responsabilità, tra indifferenza e amore, tra silenzio e magia.

10.000 persone, quando Yogurt morì, si sono lasciate trasportare dall’affetto e mi hanno scritto post su facebook, messaggi privati, su whatsapp, nel canale Youtube, via mail e per telefono. Dieci mila. Per un coniglio. Capisci cosa produce l’amore?
Tutte queste 10.000 persone sono in qualche modo presenti nel libro, che vuole essere un ringraziamento anche a loro e alla loro vicinanza.

Ma il libro non è un punto di arrivo e non vuole esserlo. Al contrario, vuole proprio essere un punto di partenza per aprire porte, menti, cuori, strade. Ha la grande ambizione di voler fare la differenza. Perché è questo che l’amore produce: differenza. Unione, forza per fare la differenza.

Yogurt ha trovato nel libro la possibilità di parlare, di far sentire la sua voce.

Ora è il momento dare a queste pagine la possibilità di passare all’azione.

copertina del libro Yogurt Come un coniglio può cambiarti la vita

Il libro è infatti la base di un progetto ambizioso: realizzare un Santuario degli animali da cortile e fattoria, in prevalenza conigli comunque, che diventi anche Centro Terapeutico e didattico per unire animali e persone in percorsi di ricostruzione e rigenerazione attraverso attività di Pet Therapy e programmi di crescita e sviluppo personale.

Per questo, è in corso una raccolta fondi sul sito Buonacausa.org alla pagina buonacausa.org/cause/santuario-animali-centro-terapeutico, dove è possibile fare la propria donazione per sostenere questo progetto e la sua realizzazione. 

Clicca qui per saperne di più sul progetto

 

Miny gallery di anteprima di alcune pagine del libro

anteprime pagine libro

[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_037.jpg]600
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_025.jpg]560
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_017.jpg]850
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_016.jpg]490
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_004.jpg]510
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_069.jpg]340
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_075.jpg]280
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_089.jpg]280
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_101.jpg]240
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_120.jpg]240
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_127.jpg]290
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_129.jpg]330
[img src=http://www.addestrareconigli.it/wp-content/flagallery/anteprime-pagine-libro/thumbs/thumbs_yo-libro-definitivo_corr_pagina_130.jpg]420

 

Alcuni estratti dalle pagine del libro

Dalla prefazione, di Myriam Jael Riboldi:

La prima volta che vidi Romy entrava a Cascina Myriam con un cestino sottobraccio da cui spuntava una “nuvola bianca dalle grandi orecchie”:  Yogurt. Ricordo alla perfezione sia l’emozione che i pensieri che mi attraversarono.  Tutto quello che conoscevo dei conigli e delle potenzialità che avevo conosciuto fino ad allora, sulla relazione che era possibile stabilire con loro,  sarebbe stata riscritta.Quello che mi colpì intensamente dal primo incontro con questa “strana coppia”  fu la fiducia.  Tra di loro era evidente la tranquillità con cui veniva vissuto il contatto fisico, che ritengo essere un chiaro indicatore della qualità di un rapporto tra individui (anche se di specie diversa). In particolare Yogurt si affidava alle mani sicure di Romy, senza tensioni e senza forzature. Ritengo che esista una forte correlazione tra l’atto di “avere fiducia” e l’atto di “suscitare fiducia”. Nella relazione con alcuni animali, come ad esempio un coniglio, credo sia necessario iniziare a fidarsi per primi, al fine di creare un clima adatto ad innescare una reciprocità, quella che era evidente nel caso di Romy e Yogurt. La fiducia è un elemento troppo spesso sottovalutato ma che a mio avviso determina gran parte del valore della relazione che stabiliamo con un animale, ancora di più con un coniglio che per sua natura (da preda) tende ad essere diffidente. Proprio sulla base di questa fiducia reciproca si è fondata la loro capacità di “triangolare”, cioè riuscire a condividere le qualità del loro rapporto con terze persone. Tuttavia tra loro il rapporto fiduciario non è stato determinato esclusivamente dal tempo trascorso insieme e dalla qualità delle esperienze condivise, ma in parte è entrato in gioco un elemento magico, qualcosa di simile alle “affinità elettive” che li ha fatti incontrare su un piano difficile da definire.

Dall’introduzione:

Esistono gli angeli? Oggi posso dire con certezza di sì: Yogurt era certamente un angelo.
Gli angeli compaiono nella vita di tutti prima o poi, in una finestra temporale ben precisa, per insegnarci qualcosa. Sta solo a noi saperli riconoscere e ascoltare.
Se ne vanno, lasciandoci, quando capiscono che è il momento giusto.
Io faccio ancora fatica a capire che c’è un momento giusto per andarsene e per lasciare andare, ma credo che questo derivi dal fatto di essere infinitamente piccola rispetto a loro.
Yogurt è arrivato nel momento in cui ne avevo più bisogno, in punta di piedi, desiderato ma inaspettato; ha svolto il suo compito: mi ha sollevata ed elevata, approfondita, arricchita, riempita, espansa, e poi se ne è andato, per lasciare posto all’angelo che sarebbe arrivato dopo di lui.
Ciascuno di loro ha un compito sempre più “elevato”, ma ogni volta per loro è più facile, perché ogni predecessore ha già spianato la strada, ha già dissodato la terra, ha già piantato i semi…

Dal capitolo “Come si supera la morte di un coniglio“:

Il fatto è che quando muore un animale con cui si era instaurato un legame forte, sincero, puro e consapevole quell’intimità viene investita, sventrata, una parte di essa diventa volatile e si disperde, e così emerge quella sensazione di vuoto, di apnea, di dolore come se si fosse davvero spaccato il cuore.

 

COME POSSO AVERE IL LIBRO?

Il libro NON è acquistabile in libreria, ma solo offerto in omaggio a chiunque contribuirà alla causa per la realizzazione del Santuario/Centro Terapeutico con una donazione di importo pari o superiore a 20 euro.

COME E QUANTO POSSO DONARE?

Puoi donare una sola volta o tutte le volte che vuoi.

Puoi donare l’importo che vuoi per sostenere la realizzazione e la gestione del Santuario, ma solo donando 20 euro o più hai diritto a ricevere la tua copia del libro.

Puoi scegliere anche di donare una cifra mensilmente, tramite una donazione ricorsiva, scegliendo tu l’importo della donazione tra quelli proposti
(!!! In qualsiasi momento potrai decidere di sospendere la ricorsività delle tue donazioni, senza alcuna penalizzazione, né richiesta di spiegazioni, né altro. Gli importi precedentemente donati non saranno tuttavia soggetti a rimborsi).

COME POSSO DONARE?

Ci sono diversi modi che puoi usare:

  1. Una tantum, cliccando sul link che ti manda alla piattaforma di raccolta fondi http://buonacausa.org/cause/santuario-animali-centro-terapeutico e cliccando sul bottone grande verde con la scritta “Contribuisci“. Da lì potrai scegliere se donare tramite Paypal, carta di credito, bonifico bancario, carta prepagata o ricarica poste pay e a seconda del metodo scelto ti verranno date tutte le istruzioni su come procedere, ma non temere: è facilissimo!
    Con questo metodo ci sono delle piccole commissioni che vengono trattenute, NON a te, quindi tu non spendi niente di più, ma a me che ricevo le donazioni. Se vuoi evitarlo e preferisci che l’intero importo della cifra donata venga devoluto al progetto, passa al punto 2.
  2. Una tantum, tramite donazione diretta su Paypal, con bonifico bancario, con carta prepagata, o con ricarica poste pay.
    Scrivi una mail all’indirizzo [email protected] indicandomi qual è il metodo di versamento che preferisci usare e ti risponderò con le istruzioni per poter procedere al versamento.
  3. Con donazione ricorsiva automatica tramite PayPal. In questo caso serve un conto paypal quindi dovresti essere già registrato con un tuo account o aver collegato una tua carta di credito o prepagata.

Scegli l’importo che verserai mensilmente in modo automatico




Se invece vuoi sospendere o annullare la tua donazione ricorsiva automatica mensile, clicca sul pulsante qua sotto “Annulla iscrizione”

 

Per informazioni sulla causa, le donazioni e il libro scrivi una mail all’indirizzo: [email protected], oppure visita la pagina della causa sul sito Buonacausa.org.

 

Scopri anche gli altri modi in cui puoi contribuire anche tu a mettere quel mattoncino in più e far parte del cambiamento e della realizzazione di questo progetto!

 

  3 Responses to “Yogurt. Il libro”

Comments (3)
  1. No non e’ sterilizzata perché dice che non puo’ e’ in sovrappeso ed e’ pericoloso operarla dovevo portarla da cucciola almeno a 5 mesi. o 6 poi il mio compagno ha portato a casa un cucciolo maschietto che ora e’ in un altra stanza e la veterinaria dice che e’ per quello ..ce l ‘ho in stallo ..anche io pensavo fossero i calcoli o cistite la veterinaria invece mi ha detto subito al telefono non sembrano sintomi di quello ..strano..le hanno poi guardato sotto ed e’ rossa rossa io avevo paura avesse vaginite o che..invece loro hanno detto che e’ in calore..e che durera’ 15 giorni circa..dovrebbe finire ma invece mi sembra continui ..forse perché dice la veterinaria sente l odore del maschietto che anche lui si comportava in modo strano ..devo sterilizzarlo ciao Romy ,in Usa in quei santuari ci sono solo maiali galline oche tacchini mucche e pecore ma non conigli ne cani ..

  2. Le foto del santuario che ho pubblicato sono solo di esempio, per far capire di che cosa si tratta e che comunque sarebbe un luogo apposito per animali felici 😉
    Non sono veterinaria, perciò non so dirti se i sintomi che descrivi possano essere di cistite, calcoli o piometra. Se non c’è sangue nelle urine e nelle feci è già un segno positivo.
    Io senza saperne niente ti avrei ipotizzato proprio calcolosi o cistite, ma la veterinaria ne sa sicuramente di più di me.
    Ma Ylenia è sterilizzata?

  3. Romy ma quel santuario e’ per i maiali mucche e galline ,comunque prendero’ il libro ,forse la mia niglia e’ da operare .. oggi devo portare la Ylenia dalla veterinaria ha problemi alle vie urinarie non la fa piu’ solo nella sua lettiera e sembra fare fatica a urinare..la pipi’ e’ a volte rossastra dipende se mangia tanta erba e lattughe in giardino e a volte giallo biancastra a volte caffelatte e ha un po’ di diarrea a volte..sembrano i sintomi di diometra..ma non c’e’ sangue ne nell’l urina ne nelle feci..mi preoccupa tantissimo e ho telefonato alla veterinaria poco fa devo portarla lei dice che non sono calcoli dai sintomi ne cistite,comunque mangia e il comportamento e’ pressoche’ ancora normale anche se e’ un po’ piu’ mogia dei momenti mi sembra..quindi penso sia un problema che si puo’ risolvere..ma non sono tranquilla non sto dormendo ..anche il compagno e’ preoccupato ..ha solo un anno e 5 mesi ,ciao Romy

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)