Mar 302011
 

Durante una delle mie escursioni internettiane, sono incappata in una poesia dolcissima, tenerissima e al contempo crudele e raggelante che ha per protagonista un coniglietto. Un coniglietto pasquale. Quello che era stato un meraviglioso regalo di Pasqua e che si è trasformato in…

Eccola qua di seguito, per ribadire ancora una volta il concetto che il coniglio non è un animale da regalare come un giocattolo e poi relegare in gabbia. Puoi fare un miliardo di cose con il tuo coniglio. Non permetterti di “stufarti” di lui, come fosse un oggetto o una moda passeggera. Ha un’anima e un’intelligenza, anche più di tanti esseri umani.


Coniglietto pasquale
di Mary Brandolino
…in memoria di tutti i conigli che non siamo riusciti a salvare (AAE Conigli)

 

Ricordo quella Domenica di Pasqua
Era tutta colore e divertimento
La nuova vita che avevo appena iniziato
Nella mia gabbia nuova

Ero solo una piccola cosa
Quando mi hanno portato via dal negozio
E mi hanno posato sul pavimento
Nella mia gabbia

Loro mi avrebbero tirato fuori
Amato e coccolato tutto il tempo
E alla fine della giornata sarei tornato
Nella mia gabbia

Ma col trascorrere dei giorni e delle settimane
Li ho visti meno di quello che speravo
Ho avuto meno carezze di quelle che sognavo
Nella mia gabbia

La notte fuori dalla loro casa
Mi sono sentito triste e dimenticato
Spesso spaventato e indifeso
Nella mia gabbia

Nell’umidità e nella pioggia
Oggi al caldo domani al freddo
Sono rimasto fermo diventando adulto
Nella mia gabbia

Il cane e il gatto correvano davanti a me
Giocando tra di loro solamente
Mente io me ne stavo seduto solo e triste
Nella mia gabbia

Sull’erba verde e fresca
I bambini saltellavano ridendo tutto il giorno
Io potevo solo osservarli giocare
Dalla mia gabbia

Erano soliti portarmi fuori
E lasciarmi sgambettare alla luce del sole
Adesso non posso più correre
Nella mia gabbia

Una volta ero un coniglietto tenero e coccolato
Come una piccola palla di cotone
Ora sono adulto e dimenticato
Nella mia gabbia

Non so cosa è andato storto
Nella casa in ho abitato
Sono cresciuto solo per essere un coniglio
Nella mia gabbia

Ma mi hanno portato al canile
Io che una volta ero amato e gradito
Ora aspetto di essere distrutto
Nella mia gabbia.

Leggi anche:

  • Non ci sono articoli correlati

  2 Responses to “…Nella mia gabbia”

Comments (2)
  1. Se solo l’uomo si rendesse veramente conto di ciò che fa e si accorgesse davvero di delle meraviglie che lo circondano….. ahh….

  2. Vera, triste ma bellissima…

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Anche per il 2019 Addestrare Conigli ha pensato di accompagnarti
per tutte le 52 settimane del nuovo anno con l'AGENDA 2019
e per tutti i 12 mesi con il CALENDARIO !
Agenda in formato 22×17,  20 euro.
ESAURITO Calendario a parete, formato A4, 10 euro. ESAURITO
Ordina le tue copie a [email protected]
L’intero ricavato sarà destinato alla gestione e al mantenimento del Santuario di Yogurt. 

Agenda e calendario 2019

Popups Powered By : XYZScripts.com