Ott 282014
 

Di seguito, eccoti alcuni suggerimenti per lavare e pulire il tuo coniglietto disabile (le indicazioni valgono tuttavia anche per quei conigli non necessariamente disabili che però hanno bisogno – per qualche patologia o problema particolaredi essere lavati con l’acqua).

Bagni, pulizia e coniglio disabile.

Pulizia e bagnetti, mentre sono sconsigliati per la salute dei conigli sani, sono invece necessari e ordinari nel mondo dei conigli disabili. I conigli disabili hanno spesso problemi col mantenersi puliti. E’ soprattutto il caso di coniglietti disabili che soffrono di mobilità ridotta o addirittura immobilità e/o soffrono di incontinenza. E’ comune per loro farsi pipì e pupù addosso, versare cibo o acqua su se stessi ecc.. Pulirli può essere un compito arduo, ma va fatto. Col tempo tu e il tuo coniglio svilupperete una sorta di “metodo” per la pulizia. Molti conigli disabili sono in grado di adattarsi bene e aiutarci con la pulizia, e , alla fine, può diventare anche un momento piacevole da passare in intimità con il proprio coniglio.

I metodi di pulizia possono dividersi in 3 categorie:

  1. pulizia localizzata
  2. bagni a secco
  3. bidè

A seguire, esaminerò ciascun metodo, quando bisogna usarlo e come farlo. Tu potrai usare una combinazione di questi differenti metodi di pulizia a seconda delle esigenze del tuo coniglio.

Pulizia Localizzata

La pulizia localizzata è la forma più comune di pulizia e aiuta a mantenere pulite e in buone condizioni le parti con dei problemi, di solito fino ad una pulizia più accurata.

Cosa usare

salviette igieniche per bambini.

Usare le salviette igieniche per la pulizia localizzata. Le Huggies Natural Care sono consigliate perché sono senza profumo, senza alcool e ipoallergeniche. Hanno l’aggiunta di aloe e vitamina E, perciò non irriteranno la pelle del tuo coniglio. Sono più spesse rispetto alle salviettine delle altre marche, sono soffici e, cosa più importante, puliscono tanto delicatamente quanto efficacemente.

Come procedere

1- Prendi le salviettine.

2- Prendi il coniglio.

3- Poni il coniglio in una posizione sicura e comoda in modo che l’area/e che bisogna pulire sia ben accessibile. Molto probabilmente sarà necessario mettere il coniglio a pancia in su, quindi, posizionalo a pancia in su tenendolo in maniera sicura con un braccio oppure siediti sul pavimento con le gambe chiuse di fronte a te e stendilo sulle gambe o sul grembo. Se invece l’area interessata è raggiungibile senza dover mettere il coniglio a pancia in su, puoi metterlo su un asciugamano sul pavimento o su un grande tavolo.

4- A seconda della necessità, usa le salviettine per rimuovere tutto lo sporco dal coniglio.

5- A seconda della necessità, usa le salviettine per pulire il pelo del coniglio da residui di urina, anche attorno al sederino o alle parti intime. Cerca di pulire la pelle quanto più possibile senza premere troppo per non lacerarla o irritarla.

6- Fai un’ulteriore passata con una salviettina pulita.

7- Finito!

Precauzioni e suggerimenti

– La pulizia localizzata funziona bene quando non c’è molto da pulire, ad esempio se c’è un po’ di pelo bagnato, piccole macchie di urina, residui di feci attaccati al pelo ecc…

– Puoi usarla anche come una “rinfrescata”.

– La maggior parte dei conigli tollera abbastanza bene questo tipo di pulizia poiché non li occupa molto e perché non richiede molto tempo.

– Quando pulisci, poni la salviettina sui residui di sporco e urina e strofinala delicatamente tra le dita per risolvere il pasticcio.

– E’ consigliabile sciacquare leggermente le salviettine prima di usarle. Molte di queste hanno un film protettivo che sa di sapone e può lasciare un po’ di residuo nel pelo del coniglio. Sciacquale in acqua calda e strizzale leggermente. L’acqua calda inoltre lascerà le salviettine più calde, il che sarà un bene anche per il coniglio!

– Se il coniglio lo tollera, prova a pettinargli il pelo con un piccolo pettine, dopo aver finito la pulizia. Ciò contribuirà a ridare morbidezza al pelo, che proteggerà meglio la pelle.

– Se il recinto del tuo coniglio è un disastro, puliscilo prima di rimettervi dentro il coniglio pulito.

 

Bagno a secco

I bagni a secco sono una tappa successiva in quanto a pulizia. Anche se non sono veri e proprio “bagni”, i bagni a secco possono ancora essere considerati come una forma efficace di pulizia. Essi utilizzano tecniche di cura e amido di mais per aiutare a risolvere i pasticci sul coniglio. Sono più efficaci quando i pasticci in questione sono ormai asciutti come feci attaccate alla pelle o al pelo.

Cosa usare

Amido di mais

L’amido di mais è l’ingrediente primario della polvere per bambini. E’ progettato per aiutare ad assorbire l’umidità in eccesso. Mentre molti prodotti per bambini sono considerati troppo aggressivi per i conigli, la polvere per bambini all’amido di mais è abbastanza delicata e quindi sicura per il bagnetto dei conigli. La polvere a base di amido di mais puro Johnson’s con Aloe e vitamina E è consigliata in quanto delicata, leggera e progettata per mantenere la pelle soffice e asciutta.

NOTA: non usare polvere che contiene talco (o polveri al talco) poichè è nocivo per i conigli. Controlla gli ingredienti attentamente e assicurati di stare acquistando un prodotto a base di solo amido di mais.

Un panno morbido

Un panno morbido o un piccolo asciugamano saranno ottimi per pulire il coniglio dopo un bagno a secco. Un’altra opzione è un panno morbido in microfibra

Pettine

Un semplice pettine a denti fini ti sarà d’aiuto per i bagni a secco. Le setole sono grandi abbastanza per trovare i residui e non così piccole da impigliarsi. Questi pettini possono essere acquistati a buon mercato in qualsiasi negozio che vende prodotti per salute e bellezza. Cercane qualcuno piccolo con due misure di setole: piccole e sottili.

Come procedere

1- Raggruppa accanto a te tutte le cose di cui hai bisogno. Se puoi, fatti aiutare da un’altra persona.

2- Scegli la zona di pulizia. E’ raccomandabile svolgere queste operazioni in bagno, dove la pulizia risulterà più semplice. Un’altra opzione potrebbe essere quella di stendere sul pavimento un asciugamano o su un grande tavolo e di pulire su di esso.

3- Prendi il coniglio.

4- Poni il coniglio in una posizione sicura e comoda in modo che le aree da pulire siano facilmente accessibili. Molto probabilmente sarà necessario mettere il coniglio a pancia in su, quindi, posizionalo a pancia in su tenendolo in maniera sicura con un braccio oppure siediti sul pavimento con le gambe chiuse di fronte a te e stendilo sulle gambe o sul grembo. Se invece l’area interessata è raggiungibile senza dover mettere il coniglio a pancia in su, puoi metterlo su un asciugamano sul pavimento o su un grande tavolo.

5- Spargi l’amido di mais liberamente su tutte le parti sporche.

6- Concentrati con l’amido sulle parti in disordine e sulla pelle del coniglio. Strofina su e intorno a qualsiasi parte sporca di feci o residui.

7- Mentre passi l’amido attraverso le zone sporche, esso assorbirà l’umidità dei residui e ti aiuterà ad eliminarli facilmente dal pelo del tuo coniglietto. Rimuovi tutti i residui sciolti.

8- Se necessario, usa il pettine per togliere via tutti i residui rimanenti.

9- Pulisci il coniglio e togli via tutto l’amido in eccesso con un soffice panno morbido.

10- Finito!

Precauzioni e suggerimenti

– La maggior parte dei conigli tollera abbastanza bene i bagni asciutti perché l’animale non viene bagnato e di solito non richiede troppo tempo.

– L’amido di mais darà una sensazione di sollievo ai bruciori dell’urina e lenirà la pelle.

– Assicurati di aver spolverato via qualsiasi eccesso di amido di mais alla fine del bagno per evitare che questo si raggrumi ed assorba urina in seguito.

– Fai attenzione a non far inalare l’amido di mais al coniglio, dato che mentre lo applicherai tenderà a creare un effetto “nuvola”.

– Quanto più lavorerai con l’amido di mais sui residui, tanto più questi si seccheranno e sarà più facile rimuoverli.

– Se hai bisogno di un pettine per eliminare via i residui più ostinati, passalo gentilmente attraverso il caos da rimuovere. Comincia dalle estremità e continua verso il corpo del coniglio mentre cercherai di allentare e districare il pelo con il pettine. Usa le setole sottili per separare i peli che si sono aggrovigliati tra loro con dei gesti delicati.

– Cerca di spazzolare il pelo del coniglio con un piccolo pettine dopo aver finito la pulizia. Questo darà di nuovo morbidezza al pelo, che aiuterà a proteggere meglio la pelle.

– Se il recinto del coniglio è un disastro, puliscilo prima di rimettervi dentro il coniglio pulito.

 

Bidè

Quando la pulizia a punti e il bagno a secco non sono sufficienti si procede con un bidè. Esso è necessario quando il coniglio è fradicio di pipì, di feci liquide o altri residui che sono rimasti attaccati, emana cattivo odore, presenta dei rossori dovuti all’urina o è in genere in disordine lì dove una pulizia localizzata o un bagno a secco non sono riusciti a risolvere. Un bidè eseguito con cura lascerà al tuo coniglio una sensazione di pulito e di freschezza. Questo metodo implica pulire la parte inferiore di un coniglio con uno shampoo adatto.

Cosa usare

Una vasca da bagno

La prima cosa di cui hai bisogno sarà una sorta di vasca in cui poter lavare il coniglio. Considera le tue esigenze di pulizia ma prendi in considerazione anche quelle del tuo coniglio. Si tratterà soltanto di lavargli il sederino o c’è bisogno di lavargli anche il pancino? Sei in grado di tenerlo in maniera salda e di maneggiarlo correttamente? O tende a dimenarsi e contorcersi? Scegli quindi una vasca che terrà conto di tutte queste esigenze. Ecco qui alcune opzioni:

Molti proprietari di conigli disabili scelgono di sciacquare i loro conigli in piccoli lavelli da bagno. Altri invece scelgono larghi lavelli da cucina dove una pompa installata può ritornare utile all’occorrenza. I lavelli sono utili in quanto permettono all’acqua di scorrere via piuttosto che permettere che questa ristagni. Questo è particolarmente utile durante la pulizia di parti particolarmente disordinate. Si consiglia di scegliere un lavandino e mettere un tappetino antiscivolo sul fondo per sicurezza. Una pompa può tornare molto utile.

Un’altra opzione potrebbe essere quella di utilizzare un piccolo e resistente contenitore per lettiera per gatti. Esso sarà più utile soprattutto a quei conigli che hanno bisogno di una pulizia più accurata della loro parte inferiore in quanto permette loro di rimanere ammollo in uno strato d’acqua bassa. Questa soluzione sarà utile anche a quei conigli che non amano essere maneggiati. La superficie piatta permette loro di avere le quattro zampe ancorate a terra e li aiuterà a sentirsi più sicuri durante la pulizia. Si consiglia di aggiungere sempre un tappetino antiscivolo per lavandini per sicurezza.

Alcuni proprietari di conigli disabili credono sia meglio utilizzare vaschette da bagno per bambini per i loro piccoli. La maggior parte di esse hanno un fondo antiscivolo per dare al coniglio aderenza alla vasca; altre ancora hanno un’imbracatura all’interno che funziona bene per quei coniglietti disabili con situazioni particolari (come ad esempio immobilità totale). In generale, le vaschette per bambini sono create in vari stili e forme permettendoti di scegliere quella che più farà al caso del tuo coniglio.

Una soluzione unica, quanto efficace, è una vasca obliqua per pittura o per lavare i panni. Che tu ci creda o meno essa è quella che più si adatta al lavaggio del sederino dei conigli. Si tratta semplicemente di porre il sederino del coniglio nella parte più profonda e collocare il petto e le zampe anteriori sulla parte rialzata della vasca, poi di riempire la parte profonda con un basso strato d’acqua. Questa soluzione ti permette di lavare il sederino del tuo coniglio mentre il resto rimarrà asciutto. Inoltre ti darà (e la darà anche al coniglio) la comodità di una superficie piatta. Queste vaschette possono essere acquistate in negozi per rinnovamento della casa ad un prezzo molto basso, solo assicurati di prenderne unadi plastica resistente.

Shampoo

Uno shampoo delicato e sicuro per i conigli è essenziale per la buona riuscita di un bidè. Nonostante ci sia la voce che quelli per cani e gatti vadano bene anche per conigli, essi sono per la maggior parte troppo aggressivi per la pelle sensibile di un coniglio. Quando comprerai uno shampoo dovrai sceglierne uno organico, con un numero tanto basso di additivi quanto alto di ingredienti naturali possibili. Essi sono facilmente reperibili ai negozi di alimenti naturali.

Per i casi più difficili che comprendono accumuli di urina e scottature (come nel caso dei conigli paralizzati o incontinenti) è raccomandabile l’uso di Zymox Enzymatic Shampoo. Esso contiene un sistema enzimatico a 3 punti che aiuta a distruggere i batteri e a prevenire infezioni fungine. Non contiene detergenti aggressivi, pesticidi, coloranti o prodotti con contenuto petrolifero, e gli enzimi sono naturali e provenienti dal latte. Questo shampoo è ostinato contro il disordine e i batteri mentre è molto delicato sulla pelle del coniglio. Funziona a meraviglia sulle bruciature d’urina e rimuove quegli accumuli che lasciano la pulizia localizzata e il bagno a secco. La pelle del coniglio dopo un bagno con Zymox è sempre fresca e pulita.

Asciugamani

Assicurati di avere un paio di soffici asciugamani a portata di mano per asciugare il coniglio dopo il bagno. Ricorda: più soffici saranno più gentili saranno sulla sua pelle. Può essere utile averne qualcuno extra da stendere sul grembo, dove appoggerai il coniglio, mentre con l’altro asciugamano comincerai ad asciugarlo.

E’ consigliabile usare gli asciugamani in microfibra che sono più soffici di quelli normali e assorbono di più il bagnato. Trattengono l’acqua e tendono a rimanere asciutti e utilizzabili a lungo. Quando li usi per asciugare il coniglio bagnato, si comportano un pò come una spugna e aiutano ad asciugare di più e più in fretta.

Asciugacapelli

Un altro oggetto da avere a portata di mano è un asciugacapelli. Uno qualsiasi andrà bene, solo cerca di scegliere qualcuno che abbia sia l’alta che la bassa velocità.

Pettine

Avrai anche bisogno di un pettine. A differenza di quello usato per pettinare, per terminare la toeletta dopo aver lavato il sederino avrai bisogno di un semplice, piccolo pettine con piccoli denti e denti fini.

Balsamo per la pelle

L’ultima cosa di cui hai bisogno sarà un qualche tipo di pomata per la pelle del coniglio. E’ un passaggio importante per il dopo cura di un bidè. Esso infatti lascerà al coniglio una lieve sensazione di secchezza, perciò è importante dare sollievo e idratare la pelle. Un buon balsamo aiuterà anche a creare una barriera contro l’urina e altri residui in modo che il coniglio stia più pulito e i nuovi residui avranno meno effetto sulla sua pelle. E’ particolarmente importante usare un balsamo per la pelle sui conigli paralizzati, incontinenti o che comunque hanno a che fare con arrossamenti di urina e bruciature. E’ raccomandabile usare il balsamo A&D che è specificamente pensato per creare una barriera protettiva sulla pelle per contribuire a tenere lontana la fastidiosa umidità e permettere allo strato inferiore di pelle di guarire naturalmente. Le vitamine A e D aiutano a ricostruire la pelle e a curarla quando è secca, irritata, spaccata così da dare al coniglio un po’ di sollievo. Questo balsamo lascia la pelle dei conigli disabili soffice e rosa, bagno dopo bagno. Può essere acquistata in gran parte dei negozi, nella sezione bambini. Quando l’acquisterai assicurati che sia quello originale, privo di zinco.

Come procedere

1- Scegli l’area in cui laverai il coniglio (bagno o cucina).

2- Scegli se è necessaria una pompa. Considera le opzioni descritte sopra.

3- Raggruppa tutto ciò di cui hai bisogno.

4- Riempi la vasca di 3-5 cm di acqua tiepida. Modifica la quantità d’acqua in base alla taglia del coniglio e in base alle esigenze di pulizia, e assicurati che la temperatura dell’acqua non sia troppo calda.

5- Aggiungi 1 o 2 cucchiai di shampoo all’acqua e mescolate accuratamente.

6- Prendete il coniglio.

7- Tieni il coniglio in maniera ferma, ma gentile, abbassalo o abbassa solo il sederino nella vasca. Se la vasca ha una superficie piatta ponilo dentro in modo che tutte e quattro le zampe poggino in maniera sicura sulla base. Se usi un lavandino, poggia un asciugamano sul bordo e poni le zampine anteriori su di esso per farlo aderire mentre porrai la parte posteriore nel lavandino.

8- Delicatamente lava il sederino del coniglio con l’acqua insaponata, concentrandoti su residui e urine.

9- Cambia l’acqua se necessario, aggiungi nuovo sapone. Probabilmente dovrai farlo più volte se il tuo coniglio è particolarmente in disordine. Assicurati che il coniglio sia sicuro mentre cambi l’acqua. Avvolgilo in asciugamani così che non prenda freddo.

10- Quando sarà pulito, sollevalo dalla vasca.

11- Tienilo al di sopra della vasca (funzionerà meglio in un lavandino con l’acqua che scorre). Risciacqua molto accuratamente il sederino con acqua limpida e tiepida. Non lasciare residui di shampoo.

12- Quando sarà completamente pulito, avvolgi parzialmente il coniglio con un asciugamano e comincia ad asciugarlo con un altro. Fai attenzione a non strofinarlo troppo duramente sulla pelle, che è molto sensibile.

13- Quando il coniglio sarà in gran parte asciutto, usa con attenzione l’asciugacapelli e finisci di asciugarlo. Poni il phon sempre a una temperatura bassa e tienilo sempre ad una distanza di almeno 20-30 cm, così da non scottarlo. Agita il getto d’aria in modo che non sosti troppo a lungo sulla stessa parte. Metti una mano sul coniglio per monitorare la temperatura del phon e scompigliagli il pelo per aiutarlo ad asciugarsi.

14- Quando sarà completamente asciutto, usa il pettine per spazzolare il pelo. Un pelo spazzolato aiuterà a proteggere meglio la pelle.

15- Applica un balsamo o qualche altra protezione sulla pelle, soprattutto se essa è rossa dopo il bagno o arrossata per via della pipì. Concentrati sulle zone che erano precedentemente sporche e/o che sono state bagnate durante il bagno. Il balsamo aiuterà a lenire la pelle del coniglio, a ridurre il rossore, idratare e proteggere da ulteriori pasticci.

16- Finito!

Precauzioni e suggerimenti

– Ripeti pure se necessario, ma cerca di fare un bidè come ultima risorsa e solo quando occorre. Fare un bagno al coniglio è spesso un’esperienza stressante per lui e anche se alcuni di loro si abituano fino a ritenerlo persino piacevole, li lascia comunque esposti a raffreddori e colpi di freddo.

– L’obiettivo di un bagno è quello di pulire il coniglio quanto più possibile usando poca acqua. La loro temperatura può scendere velocemente e sono molto sensibili al raffreddamento. Un coniglio bagnato si ammala facilmente perciò cerca di evitare di bagnarlo dove non è necessario e asciugalo quanto più in fretta possibile.

– Quando maneggi il coniglio assicurati di avere una presa salda ma delicata. Sollevalo sempre il più vicino possibile al pavimento. Se riesce a liberarsi contorcendosi non vogliamo certo che cada da una certa altezza.

– Alcuni proprietari, anziché riempire un lavandino con acqua e immergervi il coniglio, scelgono di tenerlo a pancia in su con un braccio e lavarlo in questa posizione mettendo la parte inferiore sotto il lavandino o usando una pompa collegata. Questo permette di scegliere le parti da bagnare ma richiede che tue il tuo coniglio siate a vostro agio nel fare ciò e che abbiate una certa pratica.

– Se usi un contenitore per lettiera per gatti come vasca, sarebbe meglio avere due vasche a portata di mano: una con l’acqua insaponata e una con acqua pulita o entrambi con acqua insaponata cosìcché sia più semplice muovere il coniglio in una seconda vasca quando la prima diventa ormai sporca.

– Cerca di dare al coniglio molte lodi e premi durante e dopo il bagnetto per aiutarlo a concepire l’esperienza come un qualcosa di positivo. Se conosce già l’approccio del clicker training, può tornarti molto utile in queste situazioni.

– Fai delle prove e migliora gli errori in modo da trovare una soluzione di bagno più efficace per te e per il tuo coniglio.

– Dopo il bagno è sempre bene controllare se la pelle del coniglio non abbia subito tagli, abrasioni, infiammazioni o arrossamenti, in tal caso fallo subito noto al tuo veterinario di fiducia.

Non bagnare mai la testa o il viso di un coniglio, se queste parti hanno bisogno di una pulita, inumidisci una spugna o un panno morbido con acqua tiepida e usali per rimuovere il disordine.

– E’ sempre bene avere qualcuno che ti aiuti durante questi tipi di bagni.

– Se il recinto del coniglio è un disastro, puliscilo prima di rimettervi dentro il coniglio pulito.

– Se hai un coniglio particolarmente nervoso che non tollera bene di essere maneggiato e bagnato (i bagni sono comunque stressanti dopotutto), prova con la pulizia localizzata con bagni a secco prima. Cerca di farlo abituare a piccoli passi prima di passare ad un vero e proprio bagno come il bidè.

tratto da un documento di Linda Cuzzocrea

Leggi anche:

  2 Responses to “Come mantenere pulito un coniglio disabile”

Comments (2)
  1. Grazie Emilia per questo tuo commento e per aver condiviso la vostra storia! E’ importante per tutti sapere che un coniglio colpito da encefalitozoonosi può continuare ad avere una vita felice e degna di essere vissuta. Certo, può esserci qualche complicazione in più, ma aver condiviso questa vostra esperienza è di esempio per molti!

  2. la mia coniglietta ha avuto l’encefalozonosi e purtroppo ha la testolina inclinata. riesce a lavarsi ancora abbastanza bene.io la aiuto con le salviettine dei bambini,in genere uso le aveno,ma non posso più metterla a pancia all’insù perchè le creo problemi di rotolamento molto gravi.
    un coniglietto così ha molto più bisogno del nostro aiuto ma incoraggio tutti quelli che sono nella nostra situazione a non avere paura perchè ne vale sempre la pena.la coniglietta è felice e coraggiosa,è un esempio per tutti noi!

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.