Giu 032016
 

 

coniglio sdraiato accanto all'aspirapolvere

Fonte immagine: Pinterest

In casa è arrivato il giorno della settimana che normalmente dedichi alle pulizie.

Non hai mai avuto problemi prima di dividere la tua vita con un coniglio, ma da quando è entrato nella tua vita il peloso orecchiuto, le pulizie di casa sono diventate un’angoscia, un’ansia, una tortura, per te e per il tuo coniglio, soprattutto se c’è di mezzo l’aspirapolvere.

Già i conigli mal digeriscono la scopa e la vivono come un intruso, un aggressore, un invasore da attaccare, sconfiggere e non rivedere mai più, ma quando arriva l’aspirapolvere si sentono impotenti, sono terrorizzati. L’aggressione non è più sufficiente a sconfiggere e far battere in ritirata il nemico e così sbattono i piedoni, scappano alla rinfusa, senza badare a dove vanno pur di trovare un rifugio e talvolta si fanno anche del male perché capita che sbattano contro qualche mobile. Finiscono sotto un divano o il letto, o si intrufolano in qualche angolo remoto sotto una credenza e non li vedi più per ore. Per riprendersi dallo stress e dallo spavento ci mettono un po’ e tutto questo rende letteralmente una tortura l’abitudine delle pulizie domestiche sia per te che per loro e rischia anche di compromettere la relazione interspecifica con noi, perché ci vedono come complici del nemico, come coloro che portano una minaccia pericolosissima nel loro territorio.

La mia esperienza personale

Ice era terrorizzato dall’aspirapolvere all’inizio: proprio come nella descrizione qui sopra, era una di quei conigli che come ne sentiva il rumore cominciava ad agitarsi, zompettando un po’ di qua e un po’ di là come a voler cercare una via di fuga. Quando poi arrivava il tubo aspiratore, apriti o cielo! Corse sfrenate! Come impazzito, si scapicollava da sotto il divano in giro per la stanza, come se si sentisse in trappola e non sapesse proprio dove andare a nascondersi (e rifugi ne ha quanti ne vuole in casa!). Correva come un matto, sbattendo anche contro qualche mobile o qualche sedia e scalciando. Inizialmente, ho cercato di risolvere la questione con un utilizzo graduale dell’aspirapolvere: come arrivavo in zona Ice, lo spegnevo per un minuto, poi lo riaccendevo, poi se vedevo che Ice cominciava a riagitarsi, lo spegnevo di nuovo.

Un paio di volte mi sono bastate però per capire che non poteva essere un metodo efficace: Ice non aveva il tempo di riprendersi tra un’accensione e l’altra, io rischiavo di decuplicare il tempo impiegato per le pulizie e soprattutto non era un metodo utile a far capire ad Ice che l’aspirapolvere non era una minaccia seria.

La soluzione

Ho trovato la nostra soluzione un po’ per caso.

A lungo avevo pensato al clicker training come metodo di avvicinamento coniglio-aspirapolvere, ma non mi sembrava che avesse molto senso: durante l’utilizzo dello strumento, Ice non avrebbe nemmeno sentito il click e a strumento spento non avrebbe avuto ragione di associarlo positivamente, perché né più né meno, da spento, l’aspirapolvere non è vissuto come una minaccia. Come fare dunque?

La soluzione me l’ha presentata Ice stesso ed è stata davvero semplicissima!

Lui è completamente libero in casa, ma ha a sua disposizione una postazione accessoriata sopraelevata (il ripiano di una scansia) che prevede fieniera, ciotola per le verdure, lettiera e casetta in fieno come cuccia e rifugio.

Un giorno, mentre passavo l’aspirapolvere, lui era già dentro alla sua casetta di fieno e ho notato che era più tranquillo del solito, così ho pensato di abbandonare l’aspirapolvere – acceso –  a distanza e di andare verso Ice per fargli una carezza e dargli un pellet per trattenerlo lì, al riparo.

Il gesto ha funzionato alla grande, tant’è che poi Ice è rimasto nella sua cuccetta di fieno anche quando ho ripreso ad aspirare con l’aspirapolvere.

La volta successiva, pensavo di ripetere la stessa sequenza, ma ero in ansia perché pensavo che la volta prima mi era andata bene perché Ice se ne stava già nella sua cuccia e mi aveva facilitato il compito, ma non potevo mica aspettare che lui fosse lì dentro per imbracciare l’aspirapolvere e passare per terra.

Inaspettatamente è successa una cosa straordinaria: come sono arrivata in zona “rossa” con l’aspirapolvere acceso, Ice è uscito da sotto il divano ed è corso nella sua cuccetta, uscendo con il musino come a fare cucù, in attesa di qualcosa.

Coniglio accanto alla sua cuccia di fieno

Ice accanto alla sua cuccia di fieno

Ho fatto 2+2 e ho subito collegato tutto. Ho abbandonato l’aspirapolvere e mi sono avvicinata a lui, lentamente, con un sorrisone stampato sulla faccia. Gli ho fatto una carezza e gli ho offerto un pellet da sgranocchiare. Poi mi sono allontanata e ho ripreso a pulire per terra.

Da quel giorno e per molti mesi la sequenza si è ripetuta da sola. Come accendevo l’aspirapolvere, Ice usciva dal divano e si infilava nella sua cuccia in attesa del suo pellettino e della sua carezzina.

Un giorno però ho smesso di dargli il pellet. Ormai l’associazione positiva con l’aspirapolvere, anche senza clicker, era salda. Non voglio che ci manovriamo e ci manipoliamo a vicenda con la scusa del premio. Gli ho offerto solo le mie carezze.

Il risultato oggi

Oggi Ice non teme più l’aspirapolvere. Dopo che è riuscito ad accettarlo nella stanza senza rischiare di ferirsi (e ha trovato da solo il modo, per poi presentarlo a me), è riuscito anche a uscire dalla sua cuccetta nonostante l’aspirapolvere invadesse il suo territorio. Dapprima lo ha approcciato con curiosità e interesse, poi ha cominciato ad aggredire il tubo. Oggi, in qualche caso, ci si mette dietro, proprio dove esce l’aria del motorino, per farsi scompigliare il ciuffo.

Ci sono voluti alcuni mesi, collaborazione tra me e lui, ma niente è stato fatto forzando le cose. Tutto è avvenuto in modo molto naturale e spontaneo e speriamo che questa nostra esperienza possa aiutare anche te e il tuo coniglio nella dura lotta contro l’aspirapolvere e la sua definitiva sconfitta.

Aspettiamo di leggere la tua esperienza nei commenti qua sotto. Siamo curiosi di sapere come vive il tuo coniglio l’intrusione dell’aspirapolvere e se magari anche voi avete trovato un modo per andare tutti d’accordo 😉

 

 

 

Leggi anche:

Mar 102016
 

  Chi ha già esperienza con i conigli sa che si tratta solo di una fase temporanea e passeggera, ma per chi è alle prime armi e magari adotta un coniglio di 3 o 4 mesi, in primavera per di più, assistere ai numerosi comportamenti strani del proprio coniglio può essere quasi uno chock! I […] Leggi il resto

Feb 162016
 

  Tra le domande più frequenti che mi fanno le persone che come te seguono questo sito, o che trovo scritte nei forum, su facebook o che sento fare dalle persone che hanno un coniglio c’è quella che recita: “ma perché il mio coniglio non mi dà i bacini?”. Sono circondata da persone che hanno […] Leggi il resto

Gen 292016
 

  Nell’articolo precedente, ti ho proposto una rapida guida alla comprensione dei comportamenti base del coniglio, di come leggere e interpretare il suo linguaggio del corpo nelle sue espressioni più frequenti, dalle azioni, ai suoni più comuni. In questo invece voglio andare un pochino più in profondità e parlare di come interpretare i segnali emotivi, […] Leggi il resto

Gen 142016
 

   Se non hai mai avuto un coniglio prima d’ora, faresti bene a informarti un poco sulla sua etologia, ovvero sul suo comportamento, partendo dalle basi, per esempio dal suo linguaggio del corpo, perché i conigli hanno un loro proprio linguaggio, assai ricco di atteggiamenti, posture e sfumature. Purtroppo i conigli non sono animali con […] Leggi il resto

Dic 142015
 

  Spesso, alle donne in attesa di un bambino, amici e i parenti dispensano consigli e opinioni sulle conseguenze del tenere in famiglia il coniglio o i conigli alla nascita del pargolo. Chi fa opera di terrorismo con le sue teorie sul rischio di contrarre la toxoplasmosi se si pulisce la lettiera durante la gravidanza; chi […] Leggi il resto

Nov 062015
 

   Conosco moltissime persone che non hanno un solo coniglio, ma una coppia. E magari anche altri animali oltre ai conigli. Spesso mi chiedono consigli su come affrontare la morte dei propri beniamini, o se possono fare qualcosa per alleviare le sofferenze del proprio coniglietto nel momento in cui perderà il compagno/la compagna. È una […] Leggi il resto

Ott 222015
 

  Romy, la ragazza che parla ai conigli Qualche tempo fa, mi ha contattata una giornalista che collabora con il quotidiano Bresciaoggi e con la rivista Sei Magazine (un free press ad alta tiratura, che esce a Brescia, Vicenza e Verona), per approfondire la mia esperienza (focalizzata alla realizzazione del Santuario, ma non solo) e capire […] Leggi il resto

Ott 062015
 

  Conigli e cavie sono animali con alcune abitudini in comune, ma fondamentalmente molto diversi. Nonostante le esperienze di convivenza armoniosa tra conigli e porcellini d’India, o cavie peruviane, siano molte, la coesistenza di queste due specie negli stessi spazi richiede serie e precise valutazioni. Il migliore compagno che si possa dare a un coniglio è un altro coniglio (di […] Leggi il resto

Ago 262015
 

  Sempre più persone gioiscono nel far uscire il proprio coniglio all’aria aperta, in tutta sicurezza nel proprio giardino oppure sul terrazzo o in cortile. Questo mi rende immensamente felice, perché significa che il numero di persone consapevoli, responsabili e idonee ad avere un coniglio come animale da compagnia è in crescita. D’altra parte cosa può […] Leggi il resto