Gen 272015
 

 

fienoIl coniglio è un erbivoro stretto, perciò la sua alimentazione ideale è costituita da fieno/erba, vegetali freschi e poca frutta.

Può capitare tuttavia, per varie ragioni, che il coniglio non sia abituato a mangiare il fieno, che non lo gradisca o che di punto in bianco smetta di mangiarlo.

Vediamo di capire insieme perché questo accade e come fare per far tornare il tuo amico orecchiuto a mangiare il fieno.

I motivi per cui un coniglio non mangia o smette di mangiare il fieno possono essere i seguenti:

1)  Il coniglio è abituato a una alimentazione errata

Può essere che il coniglio provenga da un allevamento o da un negozio e che sia stato staccato dalla sua mamma e dai suoi fratellini troppo presto e che per questo motivo non abbia imparato ad alimentarsi correttamente. Spesso infatti per essere messi prima possibile in vendita (perché più giovani sono, più sono attraenti, teneri e morbidosi), i giovani coniglietti vengono alimentati fin dal primo svezzamento con i mangimi secchi a base di pellet. Ecco perché alcuni conigli, fin da piccini, non mangiano il fieno.

In altri casi, capita che il coniglio sia rimasto diversi mesi in negozio in attesa di essere acquistato e che sia stato alimentato a mangime misto (quelle schifezze che contengono le crocchette colorate, i semi e le granaglie), perciò ha perso l’abitudine a mangiare il fieno. I mangimi e i pellet sono più gustosi, poiché vengono arricchiti con appetizzanti che assicurino al produttore una certa fedeltà al prodotto, e sono anche più “facili” e comodi da mangiare, perché una volta che vengono impastati con la saliva si sciolgono e si trasformano in una pappetta morbida tipo purè che non richiede alcun vero atto masticatorio. Mangiare il fieno invece richiede più “sforzo” per il coniglio, perché i fili secchi di fibra grezza devono essere masticati a lungo prima di poter essere ingeriti. Ecco anche perché il fieno contribuisce in modo naturale e sano a consumare i denti a crescita continua del coniglio e a prevenire patologie di malocclusione dentale e di ascessi.

2) Questione di gusti

diversi tipi di fienoPuò essere che il tipo di fieno che stai offrendo al tuo coniglio non gli sia mai piaciuto o non gli piaccia più. A volte anche i conigli si stufano, proprio come noi, di mangiare sempre le stesse cose. Per questo è importante variare e inserire nella dieta del coniglio anche vegetali e ortaggi freschi variegati, in modo da garantirgli una dieta bilanciata nutrizionalmente e varia anche a livello di gusto. Prova a cambiare marca di fieno o tipologia: puoi provare con il “fieno del contadino”, quello biologico, quello con i pezzettini di carota o di rosa essiccati, quello di prato di montagna, quello di fiori e erbe miste ecc. Ci sono conigli che prediligono i fieni molto verdi, con gli steli piatti e sottili, molto profumati e altri conigli che invece apprezzano di più i fieni grezzi e rustici, quasi paglia. L’importante è che il fieno non sia mai polveroso o stantio.

3) Coniglio viziato

Per esperienza, ho notato che ci sono molti conigli un po’ viziatelli, che non mangiano il fieno o smettono di mangiarlo, finché non vengono letteralmente imboccati.
Se è il tuo caso, ti accorgerai subito che semplicemente imboccando il tuo coniglietto con uno o due fili di fieno, magari di quelli più verdi e profumati, gli tornerà l’appetito 😉

4) Problemi dentali

malocclusione dentale coniglioLa ragione più frequente per cui un coniglio smette di mangiare il fieno è qualche patologia ai denti: malocclusione o ascesso mandibolare.
Se i denti sono troppo lunghi, il coniglio può fare fatica a prelevare i fili di fieno dalla rastrelliera; se la malocclusione interessa le radici, il tuo coniglietto potrebbe anche sentire dolore nel mangiare il fieno, dato che – come scritto più sopra – masticarlo richiede tempo e movimento mandibolare continuo. Lo stesso vale in caso di ascessi, ovvero di infezioni purulente interne, che causano dolore e difficoltà nella masticazione (dopo che smette di mangiare il fieno, entro qualche giorno il coniglio smette anche di mangiare le verdure, se ha problemi di malocclusione dentale o ascessi mandibolari).
Controlla bene il cranio del tuo coniglietto: tastagli la testa, le guance, il mento, poco dietro le orecchie e la base del collo sotto il mento. Se senti qualcosa di anomalo, come una o più “palline” dure, allora può avere uno o più ascessi. In questo caso, portalo immediatamente dal veterinario (esperto in esotici) per un controllo. Il medico veterinario farà la sua diagnosi e prescriverà il trattamento più idoneo alla situazione.

ascesso mandibolare nel coniglioGli ascessi non guariscono da soli con il tempo. Possono solo peggiorare. Se pensi che tuo coniglio possa avere un ascesso non aspettare!
Recati prima possibile dal veterinario, per non rischiare dio compromettere anche altre funzioni e organi importanti dell’animale.

 

Due importanti avvisaglie cui prestare attenzione in caso di malocclusione dentale e/o ascessi, oltre al fatto che il coniglio smette di mangiare il fieno sono:

a) se noti che il coniglio sbava quando mangia, cioè se trovi delle goccioline di saliva a terra o se ha il mento bagnato (da non confondere con un “normale sbausciamento” se mangia vegetali o frutta particolarmente acquosi);

b) se quando mangia le verdure, in particolare la carota, tende a sminuzzare le porzioni in piccoli pezzettini, come se facesse fatica a masticare oppure se tende a sputacchiare e avanzare il cibo.

 

Accorgersi tempestivamente di questo tipo di problemi e saper leggere in tempo i segnali, come appunto il non voler più mangiare il fieno, è fondamentale per poter intervenire clinicamente nei casi più seri e ripristinare la salute e il benessere del tuo coniglietto.

 

Leggi anche:

  45 Responses to “Perché il mio coniglio non mangia il fieno?”

Comments (45)
  1. Ciao Fabiana,
    Puoi usarlo come lettiera o come morbida cuccia riempiendo un cestino di vimini 😉

  2. Anche Romeo è ghiotto di radicchio. Ieri ho comprato un altra marca di fieno più pregiata ma un po’ più grosso che tra l’ altro mangiava sempre inutile dire che non l’ ha toccato domani vado a ricomprare il precedente più fino. Suggerimenti per non buttare i 3.chili di fieno presi ieri? Ahahaha ciao a tutti

  3. è sterilizzata? Potrebbe anche essere solo una fase passeggera. Bisognerà vedere se cambia qualcosa nei prossimi 30-60 giorni.

  4. La mia coniglietta da qualche tempo a sta parte a cambiato improvvisamente comportamento prima era sempre vicino a noi ci cercava ora sta sempre in disparte per i fatti suoi e quando si avvicina sta pochi momenti e poi scappa via subito è sempre stata super coccolona ha 3 anni cosa può essere?

  5. Cara Celeste, capita che i conigli, come noi, si stufino di un certo alimento o cambino gusti.
    Se è questo il caso del tuo coniglietto, puoi provare a vedere se cambiando tipologia di fieno o marca o mischiandone di 2 o 3 tipi diversi (aromatizzati e non, e di marche diverse) torna a mangiare il fieno.
    Se il coniglio non è sterilizzato, potrebbe essere in parte il motivo per cui “gioca” con il fieno e lo sporca con urina e feci, lasciandolo poi senza mangiarlo.
    Ultima causa, come scritto nell’articolo, potrebbe esserci una motivazione medica sottostante, magari solo iniziale, ma che sarebbe bene verificare, come eventuali punte allungate dei molari o incisivi più lunghi del normale. Per questo e per la sterilizzazione ti invito a consultare un buon veterinario esperto in esotici, in modo da verificare la situazione dei denti ed eventualmente parlare della sterilizzazione.

  6. Il mio coniglietto nano di 9 mesi, mangia volentierissimo la verdura frutta glie ne do’ poca qualche pezzettino tre volte alla settimana. Ma ultimamente Pilucca il fieno. Prima ne era più’ ghiotto. Lo fa con diversi tipo di fieno. Me lo butta in mezzo i suoi escrementi urina e tutoli di mais. Fa’ i dispetti. Cortesemente graditei un consiglio.

  7. Cara Celeste,
    diciamo che l’alimentazione andrebbe un po’ rivista. Il veterinario non ti ha dato consigli al riguardo?
    Le carote il coniglio dovrebbe vederle col lanternino. E’ vero che ne è molto goloso, ma come possiamo esserlo noi umani di patate fritte, cioccolato o caramelle. 2 carote al giorno sono davvero nocive per la sua salute. Dovrebbe mangiarne al massimo mezza a settimana.
    Anche la rucola, moderatamente, perché contiene molto calcio.
    L’alimentazione corretta prevede 85% fieno/erba non trattata chimicamente + 10% verdura (100/150 gr al giorno per ogni chilo di peso del coniglio) + 5% tra frutta, pellet ed eventuali uvette.
    Come verdure dovresti preferire quelle croccanti, fibrose come il sedano e il finocchio che già dai, il radicchio in tutte le sue varietà, l’indivia belga, la catalogna, la cicoria (o pan di zucchero). Se di stagione puoi dare qualche pezzetto di peperone in qua e in là.
    La frutta, 1 sola volta a settimana e se dai la carota, non dare la frutta.
    L’obesità nei conigli è molto pericolosa, primo per una questione cardiaca, secondo per malattie che colpiscono gli arti inferiori posteriori, come la pododermatite, terzo per gli organi interni e tutta la salute del coniglio, soprattutto se deriva da zuccheri (appunto carote, frutta, premietti uvette…), perché il coniglio, essendo erbivoro stretto, non metabolizza gli zuccheri e i carboidrati.
    Con l’alimentazione somministrata finora è abbastanza normale che il coniglio sia in sovrappeso, ma è molto molto difficile mettere a dieta un coniglio, per questo una sana e corretta alimentazione si rende ancora più necessaria fin da subito, in modo anche preventivo.
    Il giorno che lo hai lasciato a solo fieno non è grave, anzi! Si consiglia sempre, anche in una settimana di normale e corretta alimentazione, di lasciare il coniglio a solo fieno per un giorno.
    Quello che dovresti fare ora è cercare quale fieno lo attira di più, quale o quali marche gradisce maggiormente e introdurlo, lasciandoglielo a disposizione e riducendo le quantità di verdure (tra quelle consentite) fino a portarla a 100-120 gr al giorno per chilo di peso. Fatti consigliare comunque anche dal veterinario.

  8. Buongiorno! Ho un coniglio maschio di quasi 2 anni non castrato. Fa un’alimentazione abbastanza corretta ( prevalentemente sedano,finocchi, 2 carote al giorno, un cucchiaio di pellet non misto al giorno e qualche spicchio di mandarino o di mela 2 volte a settimana) ma nonostante questo il vet mi ha detto che è obeso. ultimamente ha iniziato a perdere anche pelo e ieri ha fatto tantissime palline e una pipì molto scura arancione quasi rossa. (Aveva mangiato sempre le 2 solite carote non di più e della rucola). Visto che si era anche sporcato tanto nelle parti intime ho pensato avesse avuto un po di diarrea quindi ho deciso di lasciarlo solo a fieno per oggi per vedere come va (anche perché è molto attivo e non mi sono allarmata). Solo che non lo sta assaggiando neanche! Mi devo preoccupare? Può fargli male questa dieta “drastica”? Grazie e mi scuso per la lunghezza!

  9. Ah ah ah, sì, è perfettamente normale!
    Anche io devo mischiare i fieni di tipo diverso ad Ice, ma quando c’è la verdura tutta mixata non lo guarda nemmeno più 😀

  10. Ciao Romy, Artù è molto abitudinario, se gli cambi il fieno non lo mangia! Ora ho trovato il modo di farglielo mangiare mischiandolo al fieno a cui è abituato…all’inizio mangiava solo il fieno “vecchio” ma dopo un po ha iniziato a mangiare entrambi! Ovviamente quando arriva la verdura il fieno non sa più neppure cosa sia! 😉

  11. Il mio coniglio non mangia più il fieno anche se cambio marca cosa faccio?

  12. L’alimentazione corretta del coniglio deve prevedere fieno a disposizione 24 ore su 24, erba, se presente, verdure a foglia larga e croccante, pochissima frutta (giusto un pezzettino a settimana), pochissimo mangime (max un cucchiaio al giorno).
    Scarica le slide informative per conoscere l’alimentazione del coniglio in dettaglio: http://www.slideshare.net/romycarminati/il-coniglio-da-compagnia-tutto-quello-che-devi-sapere
    Da quello che scrivi sembra che il tuo coniglio sia in forma e che il suo peso sia giusto per la sua età.
    Quello di tua cugina è troppo grasso per la sua età, se ha 3 mesi anche lui.
    Ad ogni modo, portalo da un veterinario esperto in esotici, per far valutare a lui/lei se ci sono problemi di sviluppo.

  13. Buongiorno! Allora ho un piccolo problema! Ho un coniglio di 3 mesi…non l’ho mai alimentato con MANGIMI PERCHÉ SO CHE FANNO MALE…e gli do solo verdure….mia cugina ha un coniglio (che è fratello del mio perché sono della stessa cucciolata) ed è il doppio del mio coniglietto perché MANGIA I MANGIMI….Ma adesso dico….se il mio non crescesse? Io gli do Lattuga pomodorini (Uno alla volta) Kiwi mela radicchio ecc….gli do anche Fieno e un po di uvetta secca! Faccio male? A me sembra che non cresca! Dovrei dare il mangime anche se so che fa male???? Ha 3 mesi e Pesa 314 grammi! Vi prego aiutatemi non voglio che cresca debole e piccolo

  14. Ciao Indy, la tua coniglietta è ancora molto molto piccola e come tutti i cuccioli ama giocare, esplorare e combinare qualche guaio. 🙂
    Vive in gabbietta o liberta? Ti ricordo che è indispensabile per una corretta crescita del coniglio e un buono sviluppo psicofisico, oltre che per poter costruire una relazione con esso, che via sempre libera e mai chiusa in gabbia.
    Se passa molto tempo in gabbietta può essere del tutto normale che faccia sentire le sue ragioni buttando fuori la lettiera…

  15. La mia coniglietta di 2 mese mi fa dispetti, come posso fare??? Aiuto…
    Mi butta per fino la toilette fuori la sua gabbia

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(obbligatorio)

(obbligatoria, ma non la vedrà nessuno)